Ultime recensioni

domenica 28 ottobre 2018

[Recensione] IL PRINCIPE DEGLI SCIACALLI - Rebecca Moro

Il 24 ottobre è uscito in libreria il Fantasy IL PRINCIPE DEGLI SCIACALLI di Rebecca Moro, la nostra Aliena ve ne parla in questa recensione ultrastellata!!

Genere: Fantasy
Casa editrice: Fanucci
Data di Uscita: 24 ottobre 2018
Prezzo: € 18.00

Sinossi: In una manciata di giorni e in una lunga notte di sangue, la Schiera degli Sciacalli è riuscita a invadere il più forte tra i Quadranti dell'Impero umano, travolgendo la famiglia del Mastro e il suo stendardo. Nessuno degli storici alleati è accorso in loro aiuto e i Ti-jak, una razza di bestie semi-umane dai corpi massicci e ricoperti di squame, hanno falciato qualsiasi resistenza. Gli unici sopravvissuti dei Daven-Furus, il principe Raven e le principesse Sarissa e Ioni, non possono che sottomettersi alla triade a capo degli invasori: Raven diventerà lo schiavo del Jekret, la guida militare, mentre le sorelle saranno date in sposa per rafforzare il seme di quella genia ripugnante ma invincibile. Ciascuno di loro sarà chiamato alla scelta più difficile: mutare a caro prezzo la propria natura, assumendo un ruolo non previsto in un destino avverso e ostile, fino a quando ciò che sembra un abisso senza fine, potrà trasformarsi in un'occasione di rinascita. Dalla fortezza tra le rocce di Rovelia sino alle cime proibite di Lacan, dalla polvere dei deserti alle torri di Mnar, il tempo del Quadrante di nordest scorre inesorabile verso la rovina, ma non è detto che gli invasori siano gli unici nemici. E talvolta persino un'alleanza con le bestie può rappresentare l'ultima speranza di salvezza. Il primo capitolo della "Saga dei Quadranti". Sul campo di battaglia, dove oltre alle armi contano anche i sentimenti, il cruento confronto tra l'uomo e la bestia. Un fantasy che penetra l'abisso più profondo della natura umana per scatenare i suoi demoni, nella tradizione delle grandi saghe epiche e indimenticabili.


Leggetelo, la storia è stupenda e i personaggi sono strepitosi.
E niente, basta, che altro dire?
Dovrei parlarvi dell’accurata scelta di ogni singola parola che crea fascino e atmosfera? Che ti fa sudare quando sono nel deserto, tremare durante un attacco, soffrire nelle battaglie?
Dovrei dirvi di come volano le ore, pagina dopo pagina, sofferenza dopo sofferenza, patite da Raven? O dalla voglia di prendere Sarissa e buttarla giù dalla torre di Mnar e invece si porta pazienza come Ioni, perché comunque, al suo posto, forse si sarebbe e farebbe anche peggio?
Potrei, ma non lo farò. Questo è uno di quei romanzi che va letto a scatola chiusa solo perché una persona d cui ti fidi ti ha detto “Leggilo, vedrai che ti piacerà.”

Invece vi dirò che questo NON è un romanzo tenero, anche se non mancano momenti delicati. Vi dirò che NON c’è romanticismo in questo libro però c’è amore. NON è un romanzo violento ma ci sono scene crudeli.

È epico, niente eufemismi, niente edulcorazioni. Onore. Rispetto. Eroismo. Dovere.

La scrittura è lirica. Non mi viene un altro termine per definirla, è esattamente come deve essere un fantasy, ogni frase evoca qualcosa, ogni dialogo scatena qualcosa, ogni parola penetra e taglia come gli uncini degli Sciacalli.

È una saga, quindi spero di incontrare ancora Raven nei prossimi.
Commento impertinente. So chi sei e dove abiti Rebecca Moro (l’hai incautamente scritto nella Bio sul sito di Fanucci, ma ad ogni modo ci conosciamo di persona e abbiamo amicizie virtuali comuni) quindi se non ti sbrighi a pubblicare gli altri romanzi, vengo a leggerli direttamente sul tuo PC, oppure se (accidenti) non li hai ancora scritti me li racconterai a voce!

A chi può piacere questo romanzo?
A chi ama il fantasy epico, ma non quelle storie da adolescenti con i nani buffi e gli elfi magici, no proprio quelle storie dense e crude, roba forte per lettori che non temono nulla.
Potrebbe piacere anche a chi è avvezzo a lasciare a briglia sciolta l’immaginazione e non necessariamente deve esserci una storia d’amore per fargli apprezzare un libro e i personaggi li apprezzano per quello che dicono e come agiscono e sanno andare oltre alla mera descrizione perché, diciamolo, i Ti-Jak sono per “Bestie” le “Bella” che non hanno bisogno di nessuna trasformazione per amarli come sono.
Presente, io avrei amato la Bestia comunque!

E non perdetevi il firmacopie allo stand Fanucci - Lucca Comics il 3 novembre 2018!
Bye Bye alla prossima

La torre sud bruciava.
La merlatura devastata e quasi completamente annerita si protendeva verso le nubi violacee dell’alba, come avambraccio teso al cielo di un uomo agonizzante.
Solo a questo riusciva a pensare Raven, piegato a carponi contro l’acciottolato gelido del primo ponte: la torre sud bruciava, e quello era il segno ultimo della caduta.




Nessun commento:

Posta un commento