giovedì 31 maggio 2018

[Recensione] TAKE ME - Karen Morgan

Oggi Martina ci parlerà di TAKE ME di Karen Morgan. Il romanzo non l'ha completamente convinta anzi, diciamo che le ha lasciato un po' l'amaro in bocca.
Volete scoprire perché?

Genere: Romance Contemporaneo - Erotico
Casa editrice: Self Publishing
Data di Uscita: 12 Marzo 2018
Prezzo: € 9.88 - Ebook € 1.99


Sinossi: Jane Bright ha avuto una vita difficile, è una prostituta e l’amore l’ha distrutta fino a ridurla in cenere. È una donna sola, delusa dai suoi affetti più cari e con la vita che continua a voltarle le spalle. Una sera incontra Joseph Welch, un uomo affascinante e irresistibile. Passano la notte insieme, finché lui non le propone una conoscenza più approfondita.Joseph offre a Jane la possibilità di ricominciare e di diventare la Vivian Ward che sogna di essere.
Jane non sa chi sia Joseph Welch, mentre tutti i media e la gente altolocata lo conoscono bene.
Tra i due si instaura un rapporto passionale e magnetico. 
Lui le regalerà dei giorni bellissimi, che Jane faticherà a dimenticare quando arriverà il momento di doverlo fare.
Il passato di Jane tornerà a bussare alla sua porta, ma solo per procurarle altro dolore. Sarà così forte da affrontarlo o si lascerà sconfiggere di nuovo?
Joseph sarà l’Edward Lewis di Jane?
E cosa succederà alle loro vite quando la verità verrà fuori?
Il loro legame potrà diventare qualcosa di talmente forte da riuscire a superare le difficoltà?



Il film di Pretty Woman lo conoscono tutti, almeno una volta nella vita lo abbiamo guardato, sognando Edward Lewis e la storia d’amore che regala alla sua Vivian.
TAKE ME segue lo stesso filo conduttore: Jane Bright è una prostituta e Joseph Welch è a capo di una delle più importanti testate giornalistiche di Los Angeles. Da una scommessa persa con il suo migliore amico deriva l’incontro e poi la proposta di passare un paio di mesi insieme con il divieto assoluto di innamorarsi e la promessa di soldi e vestiti per cambiare la sua vita.

Durante la lettura del libro mi sono così arrabbiata che ho anche pensato di non arrivare alla fine. Nelle storie che scelgo di leggere cerco originalità, le emozioni quelle vere, le palpitazioni del cuore, l’evadere completamente dalla realtà, voglio chiudere il Kindle e poter dire “che bello!”’. Ora mi potreste dire “ma la trama l’avevi letta”. Avete ragione ma credevo fosse un libro diverso… con il libro della Morgan ho pensato: ok ben scritto, bello il messaggio, ma la nota dolente è stato lo sviluppo della trama che per me è stato un boccone troppo amaro da buttare giù. Sarà che il fatto che il film da cui prende spunto è uno dei mie preferiti, forse i dettagli troppo simili (i due protagonisti fino ad un certo punto non si baciano), ma il libro mi ha lasciato un forte senso di insoddisfazione.

Fra i due protagonisti quello che ho apprezzato di più è stato sicuramente Joseph per le sue fragilità di uomo ferito, per la sua corazza creatosi attorno a lui, convinto che le donne lo vogliano solo per la sua posizione e per i suoi soldi.
Anche la storia di Jane, il suo passato, sembra troppo trita e ritrita, già sentita e vista, e nonostante la sua forza e determinazione non sono riuscita ad amarla completamente.

Il libro ha un messaggio bellissimo dietro: non giudicare qualcuno o qualcosa dalla copertina. ogni persona ha dietro di sé una storia, scelte giuste o sbagliate che ci portano ad essere quelli che siamo.
Questo è ciò che del libro ho più apprezzato, perché soprattutto nella società moderna trovo tale messaggio importantissimo.
La madre di lui l’ho apprezzata proprio per questo, per non aver giudicato, per aver aperto le braccia e accolto Jane, e per essere stata al momento di bisogno un valido aiuto per la coppia.

Io posso essere forse una voce fuori dal coro, ma sono dell’idea che saper scrivere bene, avere uno stile fluido ma poi prendere troppo spunto da qualcosa di non tuo, sia come la pubblicità del gratta e vinci: ti piace vincere facile? La lettura la posso consigliare per il messaggio, però mi sento di dire che arrivati alla fine questo libro vi rimarrà poco nel cuore e nella mente.


Nessun commento:

Posta un commento