Ultime recensioni

lunedì 22 maggio 2017

[Recensione] THE GLITTERING COURT - Richelle Mead

Buongiorno Impertinenti,
finalmente riesco a parlarvi di THE GLITTERING COURT, nuovo romanzo, primo di una trilogia, dell’autrice Richelle Mead, conosciuta da molti per la fortunata serie "Vampire Academy"!


Genere: Distopico YA
Casa editrice: Edizioni LSWR
Data di Uscita: Aprile 2017
Prezzo: € 16.90

Sinossi: Per un gruppo selezionato di ragazze la Corte Scintillante (The Glittering Court) rappresenta l’opportunità di conquistare una vita che finora potevano solo sognare, una vita fatta di lusso, glamour e ozio. Per l’aristocratica Adelaide, costretta dalla sua famiglia nobile, ma ormai decaduta, a un matrimonio d’interesse, la Corte Scintillante rappresenta qualcos’altro: l’occasione di pianificare il proprio destino e di avventurarsi in una nuova terra ricca e incontaminata al di là dell’oceano.


Dopo un incontro fortuito con l’affascinante Cedric Thorn, Adelaide si spaccia per una cameriera. Tutto comincia a sgretolarsi quando Cedric scopre lo stratagemma di Adelaide e questa viene notata da un giovane governatore molto potente, che vuole sposarla. La fanciulla non si è lasciata alle spalle la gabbia dorata della sua vecchia vita solo per diventare di proprietà di qualcun altro. Ma a essere davvero sconvolgente – o meravigliosa – è la fortissima attrazione proibita tra Adelaide e Cedric, che, se assecondata, li renderebbe due emarginati in un mondo selvaggio, pericoloso e inesplorato, e forse ne causerebbe perfino la morte


La Glittering Court è una scuola per giovani ragazze umili che promette loro di trasformarsi in vere Lady. Lo scopo è quello di portarle nel Nuovo Mondo e farle sposare con la nobiltà nascente.

La nostra protagonista è Lady Elizabeth Witmore, giovane ragazza agiata, costretta dalla nonna a sposare un uomo che non ama per risollevare le finanze di famiglia. Ma il desiderio della protagonista è quello di poter essere indipendente, poter scegliere il proprio destino e non dover sottostare a un uomo che non ama. Ecco il motivo che la porta a fuggire, fingersi povera e farsi scegliere come studentessa alla Glittering Court. Elizabeth prende il finto nome di Adelaide e inizia le sue lezioni da Lady, cercando di non farsi scoprire e facendosi aiutare dal giovane e affascinante Cedric Thorn, figlio del capo. 

Le avventure di Ade iniziano pian piano. Il romanzo è ricco di colpi di scena, personaggi sorprendenti e una serie di disavventure e intrighi. È un romanzo da leggere tutto d’un fiato, con un’ambientazione magica. La Mead riprende la storia dell’America e dell’Inghilterra del 700, quando c’erano le colonie e si cercava di sottomettere i nativi americani, chiamati anche qui selvaggi! Adoro i distopici che riprendono eventi reali, parti di storia, per trasformarli in qualcosa di diverso. Rimane tutto molto realistico, ben narrato e descritto. Grazie a tutto questo l’autrice riesce a parlare di molti temi come la lotta di classe, il razzismo, l’indipendenza… insomma con la trama ben intrecciata, l’ambientazione particolare e i temi trattati la Mead riesce a far appassionare il lettore
Per di più la storia di Ade si conclude, ma lascia le porte aperte a due dei personaggi secondari: Mira e Tamsin. Infatti i prossimi due romanzi saranno su di loro e la cosa davvero particolare è che rivivremo la storia nello stesso spazio temporale. Non so se riuscirò a farmi capire, ma il senso è che le strade di Mira, Tamsin e Ade si intrecciano e, per capire come, bisognerà leggere la storia 3 volte con punti di vista differenti! Non lo trovate geniale? Io non vedo l’ora. 

Infine non posso non parlare dello stile: la Mead sa arrivare al suo target, lo sa fare bene e in modo schietto. Nonostante sia ambientato in un ipotetico 700, il lessico rimane facile e fluido. 
L’unico difetto che ho trovato è stata l’evoluzione dei protagonisti: troppo frettolosa, poco approfondita e a volte quasi insignificante. Insomma Mead, potevi fare di meglio, le basi c’erano e mi aspettavo più Girl Power
Detto questo nel complesso il romanzo mi è piaciuto e ha lasciato molta curiosità sui seguiti. 

3 bacchette per la Mead, perché l’ambientazione è stata magica, la trama carina e i personaggi un po’ Nì.





Nessun commento:

Posta un commento