Ultime recensioni

giovedì 16 febbraio 2017

[Recensione] L'ESTRANEO - Ursula Poznanski e Arno Strobel


Buongiorno amici,
oggi vi parlo di L’ESTRANEO, opera scritta a 4 mani da Ursula Poznanski e Arno Strobel, il nuovo thriller psicologico pubblicato a Gennaio 2017 dalla Giunti Editore.


Genere: Thriller Psicologico
Casa editrice: Giunti
Data di Uscita: 18 Gennaio 2017
Prezzo: € 14.00 - Ebook € 8.99


Sinossi: Immagina di essere sola in casa, avvolta in un accappatoio, mentre ti asciughi i capelli dopo un bagno caldo. Improvvisamente senti un rumore al piano di sotto, uno strano tintinnio, poi un cassetto che si apre e si richiude. Scendi le scale, ti avvicini alla porta della cucina e d'un tratto ti trovi davanti un estraneo: occhi azzurri, capelli scuri, spalle larghe. Sei paralizzata dalla paura, inizi a gridare. Ma lui non scappa. E, cosa ancora più inquietante, ti chiama per nome, sostiene di essere il tuo fidanzato e non capisce come tu possa non riconoscerlo. Tu però non l'hai mai visto prima, afferri un fermacarte e glielo scagli contro. Chi è quell'uomo? Perché dice di conoscerti? Stai forse diventando pazza?

Immagina di tornare a casa una sera: entri in cucina, ti versi un succo d’arancia e... vedi la tua ragazza che comincia a gridare: è convinta che tu sia un ladro o un assassino. Ti scaglia addosso un fermacarte e corre a chiudersi in camera. Non riesci a capire, ti guardi intorno e all'improvviso realizzi un fatto agghiacciante: le tue cose non ci sono più. Le tue giacche, che di mattina erano appese nel guardaroba, sono sparite. Non c'è più niente di tuo in quella casa. Stai forse diventando pazzo?
Siete entrambi intrappolati in un incubo. E l'unico modo per uscirne è fidarsi l'uno dell'altra...


Un thriller psicologico che vi intrappolerà in un meccanismo perfetto. Non guarderete più il vostro partner nello stesso modo...
Una morsa di paranoia e follia che stringe il lettore fin dalla primissima pagina.



I Thriller Psicologici sono uno dei miei generi preferiti e quando ho letto la trama di questo romanzo mi sono subito innamorata. Come ti sentiresti se, sentendo dei rumori in casa, scendessi in soggiorno e ti trovassi di fronte uno sconosciuto che dice di essere il tuo fidanzato e di vivere con te? E cosa penseresti, invece, se tornando a casa trovassi la tua fidanzata che ti urla di andare via una volta che ti ha visto, minacciando di chiamare la polizia perché non ti conosce?
Questa in breve è la sinossi del romanzo ma la storia è molto più complicata di così.

Joanna è originaria dell’Australia ma da poco si è trasferita in Germania per scappare da un padre troppo autoritario ed una vita che le stava stretta. È una donna sicura ed intraprendente ma, quando si trova in casa uno sconosciuto, la sua vita le crolla letteralmente addosso. 
Erik è un impiegato in una grande società di software in Germania. È un uomo realizzato, felice ed innamorato. Almeno fino a quando non torna a casa e non trova la sua fidanzata che le urla contro ma soprattutto non si accorge che tutte le sue cose non sono sparite, come se lui non fosse mai esistito. 

Erik e Joanna hanno davanti a sé un percorso molto tortuoso ma nulla possono fare se prima non iniziano a fidarsi l’uno dell’altra e questo sarà per loro la prova più difficile da superare. E dovranno affrontare questa situazione insensata facendo i conti con avvenimenti inspiegabili ed imprevisti pazzeschi.

I due autori sono stati molto bravi a costruire questo thriller mantenendo la tensione del lettore sempre al massimo, pagina dopo pagina, inserendo nella storia sempre maggiori colpi di scena e continui incidenti. Il ritmo è incalzante e per questo il romanzo si legge tutto d’un fiato. I personaggi sono ben caratterizzati e molto spazio viene dato alle riflessioni interiori dei due protagonisti. 

Una marcia in più è sicuramente il fatto che i capitoli narrati dal punto di vista di Joanna sono stati scritti da Ursula Poznanski e quelli dal punto di vista di Erik da Arno Strobel. Questo fa sì che la narrazione risulti diversa e più credibile, proprio come se la storia ci venisse raccontata da due persone diverse, anche se non si nota una differenza di stile nel complesso e la lettura scorre fluida e decisa.

Devo ammettere che però, specialmente all’inizio, ho trovato un pochino assurdi ed esagerati i pensieri e le possibili spiegazioni che Joanna si crea mentalmente per interpretare la situazione che sta vivendo. Mi è sembrata a volte troppo sospettosa e malfidata verso tutto quello che il povero Erik dice e fa, arrivando al limite della paranoia. A parte questo però il libro mi ha preso molto anche perché tutto quello che succede loro a volte ha dell’incredibile, quindi per il lettore è inevitabile voler arrivare alla fine per scoprire cosa è successo veramente loro.

Vero è che forse il finale l’ho trovato un pochino forzato e sbrigativo, più che altro la conclusione mi ha lasciata un po’ perplessa.

Sono comunque dell’idea che questa storia potrebbe diventare uno splendido film e non è detto che un giorno non succederà.
Non avevo mai letto nulla di questi due autori e nel complesso non mi hanno delusa.

L’ESTRANEO è un buon Thriller Psicologico che consiglio agli amanti del genere.



2 commenti:

  1. Concordo con tutto quello che hai detto ma peccato proprio per il finale ASSURDO...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra quasi che non siano riusciti a trovare una soluzione plausibile per sbrogliare tutta la matassa che avevano creato ed abbiano optato per una soluzione veloce.

      Elimina