Ultime recensioni

martedì 4 ottobre 2016

[Recensione] TI HO TROVATO TRA LE PAGINE DI UN LIBRO - Xavier Bosch

L’amore colpisce ancora e il mezzo di trasmissione è innovativo e intrigante.
Bella storia!

Genere: Romance Contemporaneo
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Pagine: 290
Data di Uscita: 21 Giugno 2016
Prezzo: € 17.90 – Ebook € 9.99

Sinossi: Quattro giorni per vivere una vita intera.
A Paulina e Jean-Pierre non è stato concesso un solo istante in più.
Ma in quei quattro giorni hanno abbattuto tutte le barriere delle loro esistenze, per aprirsi a un amore e una felicità mai conosciuti prima. E ineguagliati in seguito.
Paulina Homs è una ragazza dalla vita tranquilla quando arriva a Parigi nel 1981 per il matrimonio della cugina.
Jean-Pierre è già un uomo maturo, un gallerista della Rive Gauche colto e affascinante, amante della letteratura e delle librerie.
A conquistarlo è la sete di avventura che avverte sotto l'aria innocente di Paulina.
A incantare lei sono i mondi nuovi che Jean-Pierre sa aprirle con le sue parole e i suoi gesti.
Insieme, imparano a vivere ogni istante come se fosse l'ultimo quarto d'ora prima della fine del mondo. Prima del ritorno di Paulina alla sua vita di sempre, a Barcellona, da suo marito e dalla sua bambina.
La loro passione breve e bruciante resterà un segreto sconosciuto ai più.
Di certo una sorpresa per Gina, la figlia di Paulina, quando trent'anni dopo, ormai adulta, viene a conoscenza di alcune lettere nascoste: senza mittente, scritte in francese e indirizzate a sua madre.
Lettere che forse hanno qualcosa a che vedere con un biglietto da visita della stessa Paulina che un perfetto estraneo aveva trovato anni prima dentro un romanzo, in una libreria inglese, con un messaggio scritto a mano sul retro: «Appelle-moi», Chiamami.
Ora, seguendo quegli indizi, Gina cercherà di capire chi fosse davvero sua madre, di cui conserva un ricordo sfocato, avendola persa troppo presto.
E in quella ricerca proverà a ritrovare se stessa.
La attende un viaggio nelle più belle librerie del mondo, dove sono disseminati i pegni misteriosi e struggenti di quell'amore, e un viaggio a ritroso nel tempo, alla scoperta di quei quattro giorni unici, indimenticabili. Eterni.

«Ci sono decenni in cui non accade nulla, e settimane in cui accadono decenni.

Questa è la nostra.»



La nuova parola d’amore è ‘Chiamami’. È proprio questo appello che rende TI HO TROVATO TRA LE PAGINE DI UN LIBRO di Xavier Bosch molto romantico ai miei occhi. Dopo un inizio lento il romanzo prende il via quando la protagonista Paulina parte per il matrimonio di sua cugina. Si reca a Parigi e la sua vita in bianco e nero acquista tutte le sfumature più belle dell’arcobaleno. 4 giorni è il tempo della felicità che il destino le ha regalato; 4 giorni in cui ha concentrato il bello della vita, dell’amore e della passione; 4 giorni che per entrambi i protagonisti, Paulina e Jean-Pierre, sono stati i migliori della loro vita. Il romanzo abbraccia tre diverse nazioni. In un continuo viaggiare tra Spagna, Francia e Gran Bretagna una storia d’amore segreta farà la felicità di due persone.

Paulina si trascina dietro un matrimonio con un uomo con il quale ormai non condivide che la routine della vita quotidiana. Ha una figlia, Gina, che sarà colei nel nome del quale ritornerà alla sua vita di sempre nel rispetto dei doveri assunti in qualità di genitore. Scopre il vero amore e lo fa con un candore e una gentilezza di animo che non fanno apparire la passione che sta vivendo come l’atto peccaminoso di cui manterrà il segreto.

Jean-Pierre rappresenta la dicotomia tra l’essere e l’apparire. Si presenta come un uomo sicuro di sé, ha una galleria d’arte, si circonda solo di cose belle ed ha la classica puzza sotto al naso dei francesi (non me ne vogliano i cugini d’Oltralpe!!). Con Paulina, invece, rivelerà il suo vero io, ossia un uomo da un passato triste, che ha vissuto una vita non sua e che forse, dopo le sofferenze vissute, vuole dedicarsi solo al bello che un momento può dargli. Paulina scoprirà chi si cela dietro il fumatore di pipa: un uomo, un amante che per quattro giorni è ritornato alla vita.

Gina è la figlia di Paulina che scoprirà la grande dichiarazione d’amore silente che la mamma ha sparso per il mondo. Quell’amore che l’ha consumata è testimoniato nelle varie librerie del mondo affinché un giorno, nei suoi desideri più insperati, possa ricongiungersi con l’uomo che le ha fatto battere il cuore. Una storia, quella della mamma, che porterà Gina fino in fondo, fino a scoprire quello che è veramente accaduto a Parigi. Quello è stato il punto di svolta o il punto di non-ritorno, perché anche il marito di Paulina ha notato il cambiamento ma la sua condizione di struzzo lo mette nella condizione di non sapere perché fa meno male.

Gina è proprio gagliarda. Per caso scopre il ‘gioco’ della mamma perché conosce personalmente un ignaro partecipante gallese. Da lì parte la sua ricerca che la porta a scoprire la verità. Una verità che non le fa male, non le fa sanguinare il cuore anzi le renderà il ricordo della mamma sempre più forte. Nei panni di Gina avrei fatto come lei e avrei accettato senza batter ciglio i fatti perché se hanno reso felici qualcuno sono ben disposta a non rovinare la vita di una persona. Nei panni di Paulina avrei rifatto tutto e forse anche di più. La felicità si deve cogliere al volo, perché se non si coglie la palla al balzo forse non ci sarà più una seconda occasione.

Il messaggio di questo romanzo è bellissimo ed è originale il metodo descritto. Ad essere sincera ho trovato un po’ di difficoltà a superare lo scoglio delle prime 60 pagine perché ho trovato il romanzo, sebbene ben scritto, molto molto lento. Una volta che i pezzi vanno al loro posto poi si vuole arrivare alla fine per scoprire tutti i segreti. Insomma le due parti si bilanciano e sono del parere che qualche ora di lettura il romanzo la meriti. Ancora una volta Parigi si conferma ‘la ville de l’amour’!!!


3 commenti:

  1. questo romanzo mi ha colpito dalla prima che l'ho visto, dev'essere bello e la tua recensione è molto incoraggiante!!

    RispondiElimina
  2. A volte la trama mi ha lasciato perplessa ma lo rileggerei!!!

    RispondiElimina
  3. E questo libro da dove salta fuori? perchè me lo sono persa! wow deve essere mio <3

    RispondiElimina