Ultime recensioni

sabato 9 luglio 2016

[Recensione] TI PREGO NON DIRE NIENTE - Silvia Carboni e Michela Marrucci



Il cowboy conserva il suo fascino, sempre! Lo sa anche Lisa che ora deve rimediare ad un grave errore.

Genere: Romance contemporaneo
Casa editrice: Aliberti
Collana: LoveAffair
Pagine: 84
Data di Uscita: 24 maggio 2016
Prezzo:   4.49 versione Kindle

Sinossi: Lisa Rogers ha ventiquattro anni e fin da piccola vive nel ranch degli Smith, dove la madre faceva la governante. Da sempre unica ragazza del gruppo dei cowboy di “Shooters”, Lisa considera tutti come fratelli maggiori… tutti tranne Liam Parker. Quest’ultimo, però, per poter realizzare le sue ambizioni, sarà costretto a fare delle scelte e ad allontanarsi da Lisa. Dopo un'assenza di due anni, Liam ritornerà a Hardin e dovrà fare i conti con i sentimenti e le emozioni che lo legavano a Lisa. Lei non è più la ragazzina spensierata che ha lasciato. È cresciuta ed è diventata una donna bellissima dalla quale è difficile star lontani.
Battute al vetriolo e rancore caratterizzano il loro nuovo rapporto: il segreto che custodisce Lisa potrebbe allontanarli per sempre.
“Ti prego, non dire niente” è lo splendido e frizzante spin-off di “Nel calore del tuo corpo”.




Finalmente ho letto lo spin off di “Nel calore del tuo corpo” e sono ancora in pace con il mondo. “Ti prego non dire niente” è di una dolcezza estrema ed è pertinente con la storia. Liam è eccezionale, un uomo con gli attributi perché decide di prendersi le sue responsabilità, perché realizza cosa c’è di bello nella vita di un uomo, perché riesce a dare le giuste priorità alla vita.

La condotta di Lisa non è stata irreprensibile. Ha preso una decisione che non avrebbe dovuto, rea del fatto di aver pensato e scelto al posto del suo compagno. La sua espiazione è stata breve per fortuna ma ha dovuto vivere dei momenti di vero panico per capire, anche lei, che il suo amore non è cambiato, che Liam resta e resterà l’uomo che la rende felice.

La storia, breve, ha tutti i punti chiave di un romanzo: l’eroe, l’eroina, l’antagonista - che per fortuna in questa trama può anche limare i suoi artigli laccati perché non viene proprio presa in considerazione -, l’evento destabilizzante - che rischia di incrinare una riappacificazione piuttosto debole -, ma alla fine l’amore trionfa.

Per me, il duo Carboni/Marrucci funziona alla stragrande. Un’ottima fantasia, una scrittura semplice e scorrevole, delle storie che sembrano fuori dal mondo ma che alla fine rientrano nella normalità della coppia. Da leggere anche separatamente dal romanzo capofila perché non ci sono rotture tra le due parti.


Brave ragazze e buona lettura a tutti!!!




Nessun commento:

Posta un commento