Ultime recensioni

giovedì 30 giugno 2016

[Recensione] IL PATTO DEL MARCHESE - Giovanna Roma


Di solito sono per il Sì o per il No, questa volta è Nì.

Genere: Romanzo storico, 
Casa editrice: Selfpublishing
Data di Uscita: 16 maggio 2016
Prezzo: € 2,99

Sinossi: Come reagireste se l’uomo più in vista del Regno vi porgesse il suo aiuto?

Accettereste la sua buona offerta, certo.

Non consideratemi un’ingrata per averla rifiutata. Ho le mie ragioni. Dietro la facciata di un lord magnanimo e misericordioso, si cela il più infido dei serpenti, pronto ad approfittarsi delle difficoltà di una donna per il suo diletto. La vita di corte dev’essere molto noiosa se è giunto fino a qui.

Bramate la bontà nel vostro soccorritore, non le fattezze della veste o del viso e siate sempre prudenti al cospetto di un marchese.



Giovanna Roma ha apertamente dichiarato di volersi avvicinare ad un genere nuovo, diverso dal dark romance dei suoi precedenti lavori. Ho letto il suo romanzo storico ‘Il patto del marchese’ con interesse e apprezzandone il contenuto e l’ambientazione. Alcuni punti li rivedrei, però: ci metterei un po’ di compostezza dei modi da parte delle ladies della trama e abbasserei un po’ la cresta al caro Russell. Sebbene mi piacciano i tipi ‘tosti’ come lui in alcuni punti credo che abbia sforato; per meglio dire, lo stile dark di Giovanna ha fatto silenziosamente capolino anche in questo romanzo.

Mi è piaciuto scoprire capitolo dopo capitolo cosa legava Annabelle a Russell, amici/nemici d’infanzia che si nascondevano dietro atteggiamenti spavaldi per non rivelare i propri sentimenti. Annabelle è tanto simpatica perché buona, disponibile ma anche tanto testarda, di quelle che ti fanno perdere la pazienza subito. Russell ne è la vittima predestinata: uomo buono ma troppo spesso impegnato ad apparire diverso da quello che è in realtà e che alla fine, anche con la povera Annabelle, si rivela essere un pochino intollerante. Certo che ha una pazienza grande quanto il mondo ma la sua aureola brillante si è persa nella notte dei tempi!!!

Come al solito i segreti la fanno da padrone. Se fossero stati svelati forse ci sarebbero state un centinaio di pagine in meno, ma avremmo avuto una protagonista meno ‘meteoropatica’ e un protagonista meno burbero con la buona pace di due innamorati che si sarebbero amati un po’ di più. Anche la stessa Annabelle si chiede come ha fatto a rinunciare al piacere che il suo bel maritino sapeva darle – me lo chiedo pure io!!!!

La bella combriccola di amici che si riunisce al castello nella parte conclusiva del romanzo mi ha evocato scenari e personaggi del circo. Bada bene, non è una lamentela. Ma la magione fredda e austera, vissuta solo da due persone e il personale di servizio, all’improvviso si anima di donne e bambini, persone allegre e gioviali che con Russell e il suo ‘sono io il padrone’ cozzano leggermente. Un ultimo appunto: tutta la vicenda de Lo Scozzese, alla fine, secondo me, demoliscono il personaggio di Russell. Si conferma che quest’uomo è vittima di una vera ossessione. Mi spiego meglio: solo con il personaggio di Russell e le sue mille ossessioni/paure ne sarebbe uscito fuori un dark o un thriller di tutto rispetto. Il repentino cambiamento di umore, di colore degli occhi, di atteggiamento ne fanno un fuori di testa da premio oscar!!

Diciamo pure che il romanzo si può leggere. Dopo un primo approccio ad un genere nuovo, che per me è stato tiepido, Giovanna Roma saprà allietarci con altre storie ed ambientazioni che sapranno essere più nelle sue corde.

3 bacchett(at)e, sulle mani della Roma!!!






Nessun commento:

Posta un commento