Ultime recensioni

martedì 26 gennaio 2016

[Recensione] LE CONFESSIONI DEL CUORE - Colleen Hoover

Previa autorizzazione della Sig.ina Federica Cappelli, pena l'estradizione su isola deserta al Polo Nord, ecco a voi la mia recensione di un romanzo che sta riscuotendo un enorme successo. Ma quale romanzo 'made by Hoover' non ce l'ha?!?!?!?!


Genere: New Adult
Casa editrice: Leggereditore
Data di Uscita: 17 Dicembre 2016
Prezzo: € 6.99

Sinossi: A soli venti anni, Auburn Mason ha paura di aver perso ciò che aveva di più importante. Malgrado il dolore, le resta la voglia di lottare per rimettere sulla giusta strada un destino che sembra sfuggirle dalle mani, ma questa volta non dovrà esserci più spazio per errori e debolezze, tantomeno per l’amore.
Owen Gentry è l’enigmatico artista proprietario dello studio d’arte di Dallas presso cui Auburn ha trovato lavoro. È un giovane brillante, di talento, verso il quale Auburn sente fin da subito di provare un’attrazione speciale. A quanto pare, la vita le sta regalando un’altra occasione per lasciarsi andare e ascoltare il proprio cuore. Eppure c’è qualcosa che rischia di minacciare la ritrovata felicità, un segreto che Owen vorrebbe relegare nel proprio passato ma che torna prepotentemente a galla. Owen sa che l’unico modo per non perdere Auburn è condividere con lei ogni aspetto della sua vita, ma la verità, come le opere d’arte, si presta a interpretazioni contrastanti, e una confessione, talvolta, può essere più distruttiva di una menzogna...



Colleen Hoover è sempre stata osannata dalle sue lettrici. In qualsiasi ‘donde’ leggevo che come sa suscitare emozioni lei nessuno può. Mi sono chiesta: ma chi sarà mai? La Babba Natala dei romanzi rosa. Ergo, un bel dì ho iniziato a leggere qualche sua opera, non tante. Sono arrivata a due e un quarto perché il quarto appartiene ad un romanzo che non so se porterò avanti dato che fino ad ora mi ha solo annoiato.


Quello che ho appena finito di leggere invece è ‘Le confessioni del cuore’. La prima cosa che mi viene in mente è che per avere come protagonisti giovanissimi di vent’anni si affrontano dei temi abbastanza duri che, per fortuna, non rientrano nella normalità della vita di ragazzi di questa età. Oso pure spingermi oltre: se mai questa storia in un certo modo ricalca lo stile di vita delle famiglie americane, sti ragazzi so’ rovinati!!


Dico subito che le parti più belle sono i primi capitoli e l’ultimo. All’inizio subito si aprono i rubinetti perché si piange, tanto, e non ne possiamo fare a meno. L’ultimo capitolo sembra il capitolo dei romanzi thriller: ed ecco a voi svelato l’arcano. Owen continua a ripetere che lui sa ma che lei, Auburn, non ricorda. Infatti, lei non ricorda che già in una situazione precedente hanno avuto modo di incontrarsi.

Ma partiamo dal titolo. La parola confessioni ha molti significati: è un modo di alleggerire l’anima perché abbiamo confessato una verità, ma è anche una rivelazione perché diamo voce al tarlo che ci rode dentro. In questo romanzo c’è un po’ di tutto e la nostra Auburn sfrutta questa tecnica di comunicazione silenziosa e misteriosa, con cui Owen trae ispirazione per le sue tele, per comunicare con lui: una vera furbizia ma anche un modo per dire le cose senza la vergogna di ‘occhi negli occhi’.


I protagonisti sono Owen e Auburn, due ventenni con una vita già vissuta, che devono affrontare esperienze drammaticamente forti e piene di significato, di quelle che ti cambiano la vita per sempre. Sono due bellissimi personaggi perché, in un modo o nell’altro, conoscono il significato della parola ‘sacrificio’ e sacrificano ciò che loro desiderano in nome di qualcosa più grande per il quale darebbero la vita. In particolar modo si ammira e si apprezza la forza di Auburn che deve dare fondo a tutto il suo spirito per affrontare situazioni di grande cattiveria da parte della famiglia del suo ex-lui. Infatti, a lei si deve l’evento che permetterà ai suoi sogni di realizzarsi e di districarsi da una ragnatela di bugie e meschinità che salvano lei ma anche le due persone al mondo che le sono più care.


La signora Hoover ha scritto un romanzo di facile lettura ma dai sentimenti forti. Lo stile è semplice e il lettore non si stanca, anzi è infervorito dalla trama e dal suo complicarsi pagina dopo pagina. Tutta la parte centrale è la narrazione del presente mentre l’inizio e la fine chiudono il cerchio del passato, quasi a voler finalmente girare la pagina che conclude un capitolo della vita di Auburn e lasciarle la libertà di animo e di cuore per iniziarne un altro.


‘Le confessioni del cuore’ è uno di quei romanzi che non terminano con la parola ‘fine’. Sono quei romanzi che nella mente dei suoi lettori continuano e lasciamo all’immaginazione di correre a briglia sciolta per trovare una continuazione che ci soddisfi la mente e il cuore.


L’esperimento Hoover continua. La signora mi ha conquistato e continuerò a scegliere tra la sua bibliografia quello che soddisfi il mio cuore e la mia anima. Avanti il prossimo!


PS: Complimenti all’artista dei quadri presenti nel romanzo, un certo Danny O’Connor. Sono molto belli ed espressivi.



Nessun commento:

Posta un commento